Monsignor Eugenio Lachat

nato il 14.10.1819, ordinato vescovo il 30.11.1863, morto il 01.11.1886

Nato il 14 ottobre 1819 a Montavon nel Giura, ordinato sacerdote il 24 settembre 1842 a Roma, eletto Vescovo di Basilea il 26 febbraio 1863, consacrato il 30 novembre successivo. Vittima del Kulturkampf, fu privato della sua sede e si ritirò a Lucerna. Eletto arcivescovo titolare di Damiata il 18 dicembre 1884, nominato Amministratore Apostolico del Ticino il 26 marzo 1885, si stabilì a Balerna. Muore il 1° novembre 1886. é sepolto nella Cripta del Santuario del Sacro Cuore in Lugano. A lui si deve la proclamazione di S. Carlo a patrono della Diocesi e l'inaugurazione della prima sede del Seminario S. Carlo di Lugano. Nel breve periodo in cui mons. Lachat fu Amministratore Apostolico del Ticino venne elaborata la "Legge sulla libertà della Chiesa cattolica e sull'amministrazione dei beni ecclesiastici".

Lo stemma: Suaviter ac fortiter

I e IV campo di rosso e azzurro (armi del Ticino), al II e III di rosso con fascia azzurra sormontato da una stella a sei raggi d'argento, accompagnata in campo da un agnello pasquale in argento con l'insegna sormontata da una croce rossa e in punta da un leone bordato in oro (armi personali in correlazione con il motto); su tutto uno scudo argento con il pastorale in rosso (Vescovado di Basilea).

Omelie
Lettere Pastorali e Varie